Cinque perché l’Italia vuole servire la Russia

Mosca, Piazza Rossa, Mausoleo di Lenin | © Luca Lovisolo

Perché agli italiani interessa così tanto asservirsi a un Paese come la Russia? Molti sostengono Mosca in modo totale, acritico e urlato, disprezzando apertamente l’Occidente. L’Italia è, per il Cremlino, un terreno ideale di conquista. Come si è giunti alla rete di relazioni che non esita a mettere in gioco la posizione raggiunta dall’Italia in Occidente, pur di dichiarare fedeltà a Mosca.

Ultime considerazioni sulla crisi italiana

Roma, Castel Sant'Angelo | © Willian West

Concludendo, la risposta a tre quesiti giunti in queste ore e due considerazioni personali, su due protagonisti di questa nuova stagione della Penisola. Come è possibile che la condotta del Presidente della Repubblica sia stata corretta, anche in presenza di eminenti giuristi che hanno opinioni contrarie? Non si può prevedere quali saranno i comportamenti dei nuovi governanti, a Roma.

Questo articolo è riservato agli abbonati. Gli abbonati hanno accesso a tutti i contenuti del sito, per capire meglio i fatti del mondo.

Acceda con le Sue credenziali » | Si abboni »

Ancora sulla situazione in Italia

Roma, mounenti in caduta libera | © Vek Labs

Il fatto che il Capo dello Stato italiano non abbia accettato la proposta di Paolo Savona, alla carica di ministro dell’economia, costituisce un atto di ingerenza nell’indirizzo politico del Paese, contrario alla Costituzione? Durante le consultazioni il Presidente ha riconosciuto la questione che si rivela sempre più come nocciolo della controversia. Vediamo perché.

Questo articolo è riservato agli abbonati. Gli abbonati hanno accesso a tutti i contenuti del sito, per capire meglio i fatti del mondo.

Acceda con le Sue credenziali » | Si abboni »

Situazione in Italia (non sono opinioni)

Pisa, torre pendente | | © Davide Ragusa

Se il Capo dello Stato non ritiene adeguato un ministro, di cui si assumerebbe la responsabilità, rifiuta di nominarlo, ponendo un limite legittimo alla sovranità popolare. E’ già successo più volte. Nel 1922, il Re poteva impedire la nomina di Mussolini a capo del Governo, ma non lo fece. Sappiamo come finì. E’ inammissibile parlare di colpo di Stato o messa in stato d’accusa del Presidente.

Questo articolo è riservato agli abbonati. Gli abbonati hanno accesso a tutti i contenuti del sito, per capire meglio i fatti del mondo.

Acceda con le Sue credenziali » | Si abboni »