Video: il mio intervento alla Camera dei deputati

Il 6 agosto 2020 sono stato ascoltato alla Camera dei deputati italiana, dinanzi alla Commissione affari esteri. Il contesto era l’indagine avviata dalla Commissione sulle influenze straniere in Italia. Ho parlato di conflitto in Ucraina, rapporti con la Russia, guerra ibrida e temi correlati. Questo è il video completo dell’intervento. Gli stessi temi sono approfonditi nel mio ultimo libro «Il progetto della Russia su di noi.»


Una risposta alla replica del presidente della Commissione (udibile al minuto 35:00) si trova in >questo articolo, che è utile anche per un primo approfondimento dei fatti in corso in Bielorussia e dell’avvelenamento dell’oppositore russo Aleksej Naval’nyj.


Condivida questo articolo con i Suoi contatti

8 commenti

  1. Salve Luca,

    devo dire che non mi aspettavo una chiusura pressoché totale dal presidente di una commissione che ha avviato l’indagine, chiunque fosse. Non è un buon segno. Gli altri membri mi sono sembrati più aperti, ma comunque tendenti alla minimizzazione, secondo me. Anzi, avendoci riflettuto meglio, la posizione del presidente era proprio filorussa, a giustificazione dell’espansionismo, prima per «ragioni storiche» e poi per lo scioglimento dell’Urss. Le conclusioni di questa commissione sono già prevedibili… Cordiali saluti.

    • Confermo di aver incontrato componenti della Commissione che hanno altre visioni. Ho risposto alle considerazioni dell’on. Fassino in >questo articolo, cogliendole come occasione per cominciare ad approfondire ciò che sta succedendo in Bielorussia e il caso Naval’nyj. Cordiali saluti.

  2. Ottimo intervento. Grazie di averlo condiviso. Mi ha deluso molto Fassino. Sinceramente spero abbia detto quelle parole per mantenere un certo equilibrio…. stile democristiano.

  3. Gabriele Siino

    Ho visto con interesse il Suo intervento ed è francamente perfettamente in linea con gli allarmi che altri giornalisti fanno sulla gravità della situazione. Ho appena letto Shadow State (Luke Harding, 2020) che contiene molti dettagli su altri aspetti. Penso che dovrei leggere anche qualche Suo libro. Il Suo intervento è molto professionale, attento e documentato. E anche mi sembra che Lei abbia deciso di non girare con cautela intorno al problema, ma descrivere con parole chiare ai parlamentari i rischi reali e le azioni da compiere. Complimenti. Il Suo linguaggio diretto è molto chiaro.

    Non comprendo la risposta dell’onorevole Fassino. Mi sembra che con il desiderio di individuare un contesto storico, l’onorevole prende una cantonata, considerando quello che Lei dice come una forma di pensiero ideologico, a cui contrapporre la visione che i russi avrebbero, contrapposta e distinta dalla nostra. I russi sanno di stare in un regime. Ho diversi amici russi e spiegano come il sistema di valori e di libertà in patria siano assai diversi da quelli che noi ormai diamo per scontati. Il rapporto con Putin dovrebbe essere estremamente cauto per il pericolo che il suo regime porta nei nostri Paesi. Io vivo nel Regno Unito, un Paese dove la penetrazione dell’azione russa arriva a contatti personali con membri del governo, una cosa gravissima che il governo si è rifiutato di sottoporre a inchiesta.

    Mi auguro che il Suo intervento sia ascoltato dai parlamentari con attenzione e apprensione, perché la riduzione della libertà dei nostri Paesi è un grosso danno per tutti e riduce la capacità stessa dei nostri parlamenti di agire in un contesto in cui l’opinione pubblica può essere pesantemente influenzata da azioni di massa, com’è stato per la Brexit qui da noi. In poche parole il Suo intervento porta un messaggio che l’onorevole Fassino sembra non comprendere affatto: che siamo in guerra, una guerra che scavalca le nostre regole e prassi democratiche e ci prende in giro. Grazie per il Suo lavoro.

    • Grazie per la Sua attenzione e il Suo apprezzamento. Mi sono formato in buona parte fuori dall’Italia, perciò ho acquisito l’abitudine a parlar chiaro. Ho risposto alla replica dell’on. Fassino in >questo articolo, cogliendone spunti per comprendere l’evoluzione dell’attualità in Bielorussia e nella stessa Russia. Cordiali saluti. LL

  4. Luigi Gerometta

    Complimenti per il Suo intervento, chiaro e assolutamente condivisibile, pur nella complessità dell’argomento. Dal Presidente della commissione, noto per i suoi trascorsi in formazioni di sinistra filo russe, purtroppo non mi aspettavo altro che quanto ha avuto modo di esprimere nel suo intervento in risposta alla Sua relazione.

Commentare questo articolo

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*