Ci fu, la promessa di non estensione NATO a est?

Berlino, il Checpoint «Charlie» oggi, memoria della divisione della Germania e della città

Vladimir Putin giustifica il suo attivismo nello spazio ex sovietico, tra l’altro, come conseguenza di una promessa non mantenuta. La promessa di un non allargamento a est della NATO è stata a lungo un punto controverso, nella ricostruzione dei negoziati che portarono alla riunificazione tedesca. Dal punto di vista dei russi, fu un errore di Gorbačëv, rinunciare a fissare su carta il principio del non allargamento.

Questo articolo è riservato agli abbonati. Gli abbonati hanno accesso a tutti i contenuti del sito, per capire meglio i fatti del mondo.

Acceda con le Sue credenziali » | Si abboni »

Putin e Trump a Helsinki, il vertice dei misteri

Helsinki, scala a spirale ! Natalya Letunova

Putin, durante le conferenze stampa, è un blocco di ghiaccio: sa che in queste circostanze ogni movimento di sopracciglio significa qualcosa. Trump no. Quando apre bocca, Trump fa la peggior frittata che si ricordi nella storia dei rapporti fra Washington e Mosca. La Russia ha condizionato e favorito l’elezione di Trump proprio per arrivare a un vertice come questo. Nessuno sa veramente cosa si siano detti.

Accordi fiscali Italia-Svizzera, monito geopolitico

Si è parlato molto negli ultimi giorni, in entrambi i Paesi, della conclusione dei nuovi accordi fiscali tra Svizzera e Italia. E’ comprensibile che l’attenzione si concentri sull’aspetto di maggior richiamo, lo scambio automatico di informazioni in materia fiscale tra gli intermediari finanziari e le amministrazioni dei due Stati, che segna, di fatto, un forte […]