Laboratorio

This category can only be viewed by members. To view this category, sign up by purchasing Abbonamento annuale al sito LucaLovisolo.ch.
Bambini | © Annie Spratt
Laboratorio

Non odiate Silvia Romano

Il caso di Silvia Romano, cooperante italiana rapita in Kenya, non è paragonabile ad altri precedenti. Neppure la Chiesa parla più d’andare in missione. Una ragazza che va in Kenya a far giocare i bambini deve suscitare ammirazione, non odio sociale. Se uno Stato impiega risorse per ricercare un proprio cittadino rapito all’estero non fa un regalo alle vittime. Fa il suo dovere.

Questo articolo è riservato agli abbonati. Gli abbonati hanno accesso a tutti i contenuti del sito, per capire meglio i fatti del mondo.

Acceda con le Sue credenziali » | Si abboni »

Catena | © mike Alonzo
Laboratorio

Prescrizione: perché non è una «scappatoia»

Alcune precisazioni importanti sulla prescrizione. Non è una scappatoia per i criminali, ma una garanzia dello Stato di diritto. E’ vero che la prescrizione si presta ad abusi, soprattutto nei Paesi in cui la giustizia funziona male. La causa degli abusi non è la prescrizione in sé, ma il cattivo funzionamento della giustizia. Cosa fare, se la prescrizione diventa un problema?

Questo articolo è riservato agli abbonati. Gli abbonati hanno accesso a tutti i contenuti del sito, per capire meglio i fatti del mondo.

Acceda con le Sue credenziali » | Si abboni »

Dialogo tra assenti | © Benjamin Lambert
Laboratorio

Brexit: e la montagna partorì il topolino

L’ostacolo più duro è stato la frontiera tra Irlanda del Nord e resto d’Irlanda. Nei negoziati per la Brexit, l’Unione europea sta funzionando a meraviglia, nel difendere gli interessi degli Stati membri e dei loro cittadini. L’accordo annunciato mette nero su bianco l’unica via possibile, ma è a un’ipocrisia. Londra dovrà accettare regole stabilite dall’Ue e perde il diritto partecipare a deciderle.

Questo articolo è riservato agli abbonati. Gli abbonati hanno accesso a tutti i contenuti del sito, per capire meglio i fatti del mondo.

Acceda con le Sue credenziali » | Si abboni »

Auto Lada prodotta in Unione sovietica su licenza italiana | © Mark Kamalov
Laboratorio

Italia e Russia: perché dialogare non serve

Con toni appena più sfumati del suo vice Salvini, anche Giuseppe Conte, durante la conferenza stampa congiunta tenutasi a Mosca fra il capo del Governo italiano e il presidente russo, sembrava parlare più in difesa degli interessi russi che di quelli italiani. Dialogare ha senso se si fissano obiettivi da raggiungere: in caso contrario, significa arrendersi alla supremazia del più forte.

Questo articolo è riservato agli abbonati. Gli abbonati hanno accesso a tutti i contenuti del sito, per capire meglio i fatti del mondo.

Acceda con le Sue credenziali » | Si abboni »

Mosca, Grandi magazzini GUM | © Luca Lovisolo
Laboratorio

Perché è sbagliato togliere le sanzioni alla Russia

Precisazioni sulla questione delle sanzioni verso la Russia, oggetto del recente viaggio a Mosca del ministro italiano Matteo Salvini. E’ dal 2007, con un celebre discorso di Vladimir Putin a Monaco, che la Russia è dichiaratamente in rotta di collisione con il resto del mondo. Lasciare le azioni di Mosca in Ucraina senza risposta e darne per acquisiti gli esiti è inammissibile, per tutti.

Questo articolo è riservato agli abbonati. Gli abbonati hanno accesso a tutti i contenuti del sito, per capire meglio i fatti del mondo.

Acceda con le Sue credenziali » | Si abboni »

Finestra sul mare | © Jean Guy Nakars
Laboratorio

Sull’arresto del sindaco di Riace

Alcuni aspetti di questa vicenda stimolano riflessioni più generali. Mai l’aggettivo «ideologico» sarà usato in modo più appropriato che in questi casi. Il «mondo senza frontiere» è un fine ideologico e lo Stato, con le sue leggi e i suoi confini, è un ostacolo verso la sua realizzazione. Lo Stato che cade: in fondo, è questo che vuole chi attua queste condotte.

Questo articolo è riservato agli abbonati. Gli abbonati hanno accesso a tutti i contenuti del sito, per capire meglio i fatti del mondo.

Acceda con le Sue credenziali » | Si abboni »

Giornali su legno | © Kara
Laboratorio

Ancora su Marcello Foa, dalla Svizzera

In Canton Ticino viene depositata un’interrogazione parlamentare sul ruolo di Marcello Foa come docente dell’Osservatorio europeo del giornalismo presso l’Università della Svizzera italiana. Chiede al Governo ticinese di verificare se la presenza di Foa come docente sia sufficientemente indipendente per garantire il pluralismo dinanzi agli studenti.

Questo articolo è riservato agli abbonati. Gli abbonati hanno accesso a tutti i contenuti del sito, per capire meglio i fatti del mondo.

Acceda con le Sue credenziali » | Si abboni »

Ruota del timone | © Maximilian Weisbecker
Laboratorio

Nave Diciotti: epilogo di un’odissea

La vicenda giudiziaria seguirà il suo corso, quella di politica interna italiana qui non interessa. Alcuni punti che restano sospesi, mentre il caso si avvia alla conclusione. Cento cittadini stranieri presenti sulla Diciotti sono stati «ridistribuiti» alla Conferenza episcopale italiana, che però non è uno Stato. Le sfide sono quelle di sempre, gli strumenti per affrontarle anche, basterebbe usarli con efficacia.

Questo articolo è riservato agli abbonati. Gli abbonati hanno accesso a tutti i contenuti del sito, per capire meglio i fatti del mondo.

Acceda con le Sue credenziali » | Si abboni »

Ponte sul mare | © Sweet Ice Cream Photography
Laboratorio

Il ponte di Genova, fratello del Vajont

Il crollo del ponte di Genova fa pensare al momento storico della sua realizzazione. Un periodo di entusiasmi, per le nuove tecnologie e per la pace dopo due guerre mondiali. Fu anche un’epoca di leggerezze. Opere realizzate da architetti che esploravano nuove frontiere, ma che erano, per formazione, figli di fine Ottocento. Cosa imparare, superata l’emotività del fatto.

Questo articolo è riservato agli abbonati. Gli abbonati hanno accesso a tutti i contenuti del sito, per capire meglio i fatti del mondo.

Acceda con le Sue credenziali » | Si abboni »

Treno e viaggiatori | © Mike Kotsch
Laboratorio

Migranti e capitreno: note su un caso di cronaca

Una capotreno fa notizia per un messaggio poco ortodosso rivolto a viaggiatori di Rom. Non serve dire che in tutta Italia la percentuale di migranti sulla popolazione complessiva è dell’ics percento. Importano le situazioni concrete. La cittadinanza, nel valutare la presenza di migranti, la commisura alle situazioni che vive ogni giorno sui treni, nelle scuole, nei quartieri periferici.

Questo articolo è riservato agli abbonati. Gli abbonati hanno accesso a tutti i contenuti del sito, per capire meglio i fatti del mondo.

Acceda con le Sue credenziali » | Si abboni »