18.6.2019 | La settimana in tre notizie

Giornali su legno | © Kara
Giornali su legno | © Kara

Questa rubrica presenta tre notizie della settimana, con particolare riguardo per quelle meno riprese dai media o che offrono possibilità di interpretazione diverse da quelle più correnti. Le fonti di stampa internazionale permettono a chi lo desidera di approfondire.


L’Africa occidentale a grandi passi verso una moneta unica: la riunione dei ministri delle finanze e dei governatori delle banche centrali della Comunità degli Stati d’Africa occidentale in Costa d’Avorio, il 17 e 18 giugno, ha definito i particolari.

Una moneta unica è un fattore di crescita: favorisce gli scambi, abbatte i rischi di cambio e crea sicurezza nelle attività commerciali. Molti Stati dell’Africa occidentale utilizzano già una valuta comune, il franco CFA, legato all’euro da un cambio fisso e garantito dalla Banca di Francia. La nuova moneta si propone di superare questo strumento, sinora molto efficace, sebbene contraddistinto da un inevitabile retroterra coloniale. Altri sette Paesi adotteranno la nuova moneta, oltre a quelli che già utilizzano il franco CFA: tutti i 15 Stati della Comunità d’Africa occidentale, così, siano uniti dalla moneta unica. Analogamente a quanto accaduto per l’euro, gli Stati dell’Africa occidentale interessati progettano la costituzione di una banca centrale comune e stanno attuando la necessaria convergenza delle politiche fiscali. A fine giugno si terrà una riunione dei capi di Stato e di governo dei Paesi coinvolti, che dovrà dare il via al progetto. La realizzazione concreta è prevista dal 2020 al 2024.

Fonti: Jeune Afrique | Le Monde

Pressoché ignorati dai media occidentali, nella scorsa settimana si sono svolti due importanti vertici della cooperazione asiatica: quello della Organizzazione di Shanghai per la cooperazione e la Conferenza per l’interazione e la costruzione della fiducia in Asia.

Il primo vertice si è svolto a Biškek, capitale del Kirghizistan, il secondo a Dušanbe, capitale del Tagikistan. Le due organizzazioni, insieme a numerose altre, sono attive nella sempre più stretta cooperazione fra gli Stati dell’area ex sovietica, asiatica e, in parte, mediorientale. Spesso in Europa si ignorano i processi di cooperazione e alleanza in corso in Asia: il loro scopo è la garanzia della sicurezza e stabilità nella regione, ma costituiscono anche importanti sedi di cooperazione economica e militare. Su un numero crescente di temi, Asia e Russia, insieme all’India e agli altri Stati della regione, grazie a queste organizzazioni sovranazionali parlano sempre più con una sola voce.

Legga anche:  Perché è sbagliato togliere le sanzioni alla Russia

Fonti: Vesti.ru | Kabar

In Germania le autorità scolastiche lamentano un pesante peggioramento del livello di preparazione agli esami di maturità.

La Conferenza dei rettori dell’istruzione superiore, in Germania, ha espresso viva preoccupazione per il drastico calo delle abilità degli studenti giunti alla maturità. L’esame non garantirebbe più il livello richiesto per la prosecuzione degli studi negli anni successivi. Il problema riguarda particolarmente la matematica: in alcune località è stato necessario organizzare esami suppletivi orali, altrove si sono applicati criteri di giudizio meno severi, per evitare la falcidie dei candidati. Esiti poco incoraggianti si registrano anche nella lettura e scrittura: secondo i docenti, è sempre più difficile indurre i giovani a leggere come in passato, a causa del mutamento di abitudini dovuto al diffondersi dei dispositivi digitali. Le conseguenze negative sulle abilità linguistiche sono sensibili.

Fonti: Der Spiegel

Commentare questo articolo

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*