Murgia scherza con la storia e scivola

Italia | © Philippe Mignot
Italia, crepuscolo | © Philippe Mignot

L’ultimo libro di Michela Murgia si potrebbe ignorare, archiviandolo tra le parodie malriuscite. La lettura, però, merita. Più del suo Paese, l’autrice descrive se stessa e i circoli intellettuali dai quali proviene. Il fascismo non è stato male abbastanza? Si sente il bisogno di estenderlo a nuove fattispecie? Molti intellettuali sembrano non avere ancora le idee chiare su cosa significhi fascista.


Questo articolo è riservato agli abbonati Premium a Trabant, il notiziario settimanale di Luca Lovisolo. I lettori Premium hanno accesso a tutti i contenuti del sito, per capire meglio i fatti del mondo.

Acceda con le Sue credenziali Si abboni a Trabant Premium

I commenti sono chiusi.