Murgia scherza con la storia e scivola

Italia | © Philippe Mignot
Italia, crepuscolo | © Philippe Mignot

L’ultimo libro di Michela Murgia si potrebbe ignorare, archiviandolo tra le parodie malriuscite. La lettura, però, merita. Più del suo Paese, l’autrice descrive se stessa e i circoli intellettuali dai quali proviene. In una delle ore più grige dell’Italia dalla fine della seconda Guerra mondiale, molti intellettuali sembrano non avere ancora le idee chiare su cosa significhi «fascista.»


Questo articolo è riservato agli abbonati a Trabant.
Per leggere tutti i contenuti riservati e ricevere settimanalmente Trabant, si abboni anche Lei a partire da CHF 19.– (ca. EUR 16.50) l’anno. Se è già tra gli abbonati, acceda utilizzando le Sue credenziali.


Acceda con le Sue credenziali Si abboni anche Lei





I commenti sono chiusi.