Le distorsioni della parola «asilo»

Filo spinato | © Hedi Benyounes
Filo spinato | © Hedi Benyounes

In riferimento al caso dell’attivista australiano Julian Assange si legge e si sente con frequenza la parola «asilo.» Il termine è stato usato anche per altri casi recenti, non sempre correttamente. La confusione è aggravata dal fatto che le persone delle quali si parla non sembrano avere profili perfettamente lineari. Non tutte le forme di protezione possono essere definite asilo.



Questo articolo è riservato agli abbonati Premium a Trabant, il notiziario settimanale di Luca Lovisolo. I lettori Premium hanno accesso a tutti i contenuti del sito, per capire meglio i fatti del mondo.

Acceda con le Sue credenziali Si abboni a Trabant Premium

I commenti sono chiusi.