Decreto sicurezza: cosa (non) dice sui migranti

Le nuove disposizioni in materia di migrazione, che interessano i rapporti internazionali: alcune misure avvicinano la normativa italiana a quella di altri Paesi, altre sono più difficilmente comprensibili. Il decreto sembra preoccuparsi poco delle conseguenze pratiche. L’Italia avrebbe i numeri per dare impulso, nelle sedi opportune, a una revisione più incisiva, ma non ha gli uomini. 
Questo articolo è riservato agli abbonati. Gli abbonati hanno accesso a tutti i contenuti del sito, per capire meglio i fatti del mondo.

Acceda con le Sue credenziali » | Si abboni »

Pensa che ciò che ha letto qui Le sia stato utile? Può continuare a leggere questo sito in gran parte gratuitamente, oppure può contribuire a mantenerlo attivo e indipendente acquistando uno dei miei libri >qui. Grazie.

Condivida questo articolo con i Suoi contatti:

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su telegram
Condividi su email

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Utilizzando il sito, Lei accetta l'uso dei «cookie» Informazioni

Utilizziamo i «cookie» per facilitare l'uso di questo sito. Continuando a leggere senza modificare le impostazioni, Lei acconsente al loro utilizzo. La nostra politica di protezione dei dati si trova >cliccando qui .

Chiudi