Україна 3.20, Char’kov – L’eroe abbattuto

10686865_10202417209070383_6528065551154425357_nSe da una parte si restaurano e si curano i segni del periodo sovietico, dall’altra ecco un simbolo delle contraddizioni del conflitto ucraino: il monumento a Lenin, del quale non resta che il moncone del basamento, come quello che avevo visto a Kiev, davanti al mercato bessarabico. La statua è stata abbattuta nei mesi scorsi dalla furia dei dimostranti, tra le polemiche dei cittadini, non tutti contenti di questo abbattimento. Oggi, al posto di Lenin, sventola una bandiera ucraina. Tutto intorno, l’immensa Piazza della Libertà. E’ inutile fotografarla tutta col telefonino, perché da nessuna angolatura si riuscirebbe a recepirne l’enorme estensione. Soprattutto, l’immagine non renderebbe quel senso di spazialità, quasi un mancar del respiro, che si avverte quando questa gigantesca piazza compare improvvisamente a lato del marciapiede, arrivando dalla Sumskaja, davanti al sontuoso palazzo dell’Amministrazione provinciale. Guardando dall’estremità della piazza, gli edifici sul lato opposto sembrano quasi palazzine residenziali: se ci si avvicina, superando negozi, palazzi, bancarelle, fermate con autobus e code infinite di maršrutke in attesa, ci si rende conto che in realtà sono quasi grattacieli. 10947190_10202417338673623_5604379275613659545_nTrovo un’immagine di piazza della Libertà, un po’ attempata, ma che rende bene l’idea. Scattata probabilmente stando proprio vicino al monumento a Lenin, che non si vede perché alle spalle del fotografo (e la piazza continua, dietro alla posizione dalla quale è stata ripresa l’immagine, per almeno altri 200 metri).

«« « Indietro Avanti »

Condivida questo articolo con i Suoi contatti:
FacebookLinkedInTwitterXINGEmail
Legga anche:  Україна 2.30, Kiev - Umanità e mercato

Commentare questo articolo

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*