Україна 3.14, Char’kov – Incontri e racconti

Oggi, dopo una giornata dedicata al museo storico cittadino, incontro una persona di Lugansk di passaggio qui perché impegnata in un progetto umanitario ONU nelle zone di conflitto. Altra interessantissima conversazione, che conferma e arricchisce i dati sulle motivazioni della guerra. Emerge anche il tema degli emigranti russi che, durante il periodo sovietico, si stabilirono nelle altre repubbliche dell’Unione per svilupparvi l’industria, poiché per lungo tempo i Russi furono gli unici ad avere la formazione necessaria per farlo, in regioni che avevano tradizioni prevalentemente contadine. Ricordo di aver letto storie analoghe avvenute in Armenia e altre repubbliche sovietiche caucasiche. Quando quelle repubbliche, con la fine dell’URSS, divennero indipendenti, molti di quei Russi se ne andarono, lasciando l’industria locale in serie difficoltà per mancanza di personale tecnico e dirigente. A Donec’k e Lugansk, mi spiega la mia interlocutrice, le famiglie discendenti da quegli emigranti russi sono ancora tante (compresa la sua). Tra alcune di queste, benché ormai naturalizzate ucraine, tra le persone sopra i cinquant’anni si è sviluppata la nostalgia per l’URSS (ed ecco che torna questo tema), per un vecchio mondo grigio e privo di prospettive, ma che assicurava un quieto vivere fatto di servizi gratuiti, socialità garantita ed equità sociale allineata verso il basso, tutto sommato comodo, per chi non aveva grandi progetti di vita. Quel mondo non tornerà comunque, ma c’è chi vede in un’annessione alla Russia una possibilità rassicurante, di fronte alle difficoltà economiche del momento, dimenticando che anche in Russia, oggi, se vuoi benessere e sicurezza te li devi guadagnare. Bisogna venire fino qui per sentire questi racconti? No, se ne trovano a bizzeffe sui libri che si possono comprare anche via Internet. Ma sedersi al tavolo con qualcuno che ti racconta queste cose, e lo fa parlandoti della storia dei suoi nonni e della sua esperienza vissuta, fa la differenza, in un lavoro di ricerca. Grazie!

«« « Indietro Avanti »

Legga anche:  Україна 2.34, Kiev - Cantastorie

Commentare questo articolo

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*