Aereo abbattuto, alcuni aggiornamenti

Macchina da scrivere | © Fatman73E’ interessante riassumere la versione fornita dai media governativi russi in merito al disastro aereo in Ucraina. La Russia sostiene che la registrazione della telefonata fra miliziani indipendentisti, che l’Ucraina considera una prova del coinvolgimento dei miliziani stessi nella catastrofe, sarebbe un montaggio. Un tecnico presenta a questo scopo in TV i risultati di una perizia tecnica svolta sul file, accompagnati da una scheda secondo la quale la conversazione sarebbe avvenuta in un orario incompatibile con l’abbattimento del velivolo. Non è noto se la perizia sia avvenuta su materiali originali. I Russi contestano anche la veridicità del filmato che mostra una batteria di missili Buk, quella che avrebbe abbattuto l’aereo Malaysian, che gli Ucraini ritengono sia stata trasportata verso il territorio russo per nasconderla agli investigatori. Basandosi su un cartellone pubblicitario visibile nel pochi secondi del video, la TV filogovernativa russa Rossia24 afferma che la scena sarebbe stata ripresa non al confine con la Russia, ma in una città dal nome simile, ben più all’interno del territorio ucraino. Non fornisce, però, ulteriori riprese dell’area che permettano di comprovare questa affermazione.

Altre argomentazioni sono che, secondo i Russi, l’aereo avrebbe deviato dalla rotta prevista e che i satelliti americani, che hanno ripreso il momento dell’abbattimento da parte di un missile partito dal territorio controllato dai separatisti, presenterebbero in realtà una fascia di errore di rilevamento di svariati chilometri, che inficerebbe la loro credibilità, come ha affermato il direttore della rivista russa «национальная оборона» («Difesa nazionale»), esperto di tecnica militare, intervistato durante il notiziario del canale TV Rossia24.

Nessuna commissione tecnica internazionale ha sinora potuto concretamente operare sul teatro del disastro. I dirigenti dell’autoproclamata “Repubblica popolare di Donec’k” hanno consentito l’accesso unicamente ad alcuni osservatori OSCE, che non sono una commissione tecnica, a differenza di quanto afferma il citato canale televisivo, ma osservatori di natura politica. l’OSCE comunica, da parte sua, che i suoi osservatori hanno potuto trattenersi sul posto per brevissimo tempo e sono stati accolti da esponenti della “Repubblica” medesima ubriachi e scontrosi (fonte: comunicato stampa >sito OSCE). Le immagini girate dalle TV russe mostrano uomini privi di ogni attrezzatura che imballano i cadaveri delle vittime in sacchi neri, li spostano o li accumulano su vecchi camion, senza dire dove e se vengano trasportati. Non si hanno notizie delle scatole nere dell’aereo e di altri elementi che potrebbero servire a ricostruire scientificamente la dinamica dell’abbattimento.

Legga anche:  Aleppo è stata «distrutta» o «liberata?»

Oltre ai resti dell’aereo, nella zona del disastro vi sono i cadaveri di 300 persone di 11 nazionalità. Tutto il mondo sa benissimo che se c’è un Paese della Terra in grado di influire su ciò che sta accadendo in quell’area, tale Paese è la Russia, che cade sotto crescente pressione diplomatica. Estremamente decise sono state le richieste di chiarimenti rivolte alla Russia prima dall’Australia, poi della Malaysia e, ieri, dell’Olanda, che conta il maggior numero di vittime. Dai media governativi di Mosca, queste richieste non sono state riprese, sono state riportate parzialmente o con toni ironici. In generale, i media mostrano una grandissima abilità nel confezionare i notiziari in modo mirato. Non sempre i lettori si lasciano blandire, però: il giorno del disastro, il giornale russo online Gazeta.ru, travolto dai commenti irati dei lettori, è stato costretto a chiedere scusa per aver attribuito direttamente la responsabilità dell’abbattimento all’Ucraina.

Sul terreno, intanto, nulla si muove. L’Ucraina, visibilmente, non controlla più in quelle zone neppure le forze di polizia e di protezione civile, anche se queste indossano divise ucraine, come mostrano le telecamere. L’autoproclamata “Repubblica popolare di Donec’k” non dispone dei mezzi tecnici e umani per un adeguato trattamento delle conseguenze della tragedia. Se, come si teme, i suoi responsabili stanno alterando le prove dell’abbattimento dell’aereo, lo stanno facendo con il decisivo supporto logistico di qualche ente o Stato loro sodale.

La Russia sta agendo sin dall’inizio della crisi ucraina fuori dal quadro del diritto internazionale, ma il Presidente russo Vladimir Putin non è uno sprovveduto: sa che la vicenda dell’aereo Malaysian lo espone all’indignazione del mondo, non solo per gli aspetti tecnici, ma anche per l’insensibilità verso i resti delle vittime. La rabbia delle loro famiglie e dei Governi dei rispettivi Paesi sta montando. Se, nonostante ciò, la situazione non si sblocca, vi sono due possibilità. La prima è che la verità sull’abbattimento dell’aereo sia talmente imbarazzante per la Russia, da farle preferire di subire la riprovazione per lasciar decomporre al sole di luglio 300 cadaveri d’innocenti. L’altra ipotesi, se possibile ancora peggiore, è che vi siano parti di amministrazione o dell’esercito di Mosca che collaborano con i separatisti ucraini così strettamente da essere difficilmente controllabili persino da parte del loro Presidente. Le prossime ore diranno di più. La Russia è un grande Paese: non merita questo ruolo.

Commentare questo articolo

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*