Patto Roerich e beni culturali: mostra e convegno a Torino

Si inaugura il 13 aprile 2018, con il patrocinio del Comune di Torino, nel prestigioso contesto storico della Sala delle Colonne di Palazzo di Città, la mostra fotografica itinerante «Il Patto Roerich: una pietra miliare nella protezione dei beni culturali.» L’inaugurazione avviene con una conferenza a cui intervengono personalità del mondo della storia dell’arte, del diritto umanitario e delle relazioni internazionali.


 

La conferenza ha inizio alle ore 10:00, con ingresso libero. La mostra prosegue il ciclo di iniziative del Movimento Internazionale Giornata Mondiale della Cultura, che fra il 2010 e il 2011 ha organizzato la stessa esposizione presso la Biblioteca Sormani a Milano, il Palagio di Parte Guelfa a Firenze e l’Istituto Internazionale di Diritto Umanitario a Sanremo. La mostra resta a Torino sino al 27 aprile 2018.

Obiettivo dell’evento è promuovere la conoscenza della figura del pittore e artista russo Nikolaj Roerich e delle sue idee sull’importanza cruciale della cultura per lo sviluppo di una società di pace. L’iniziativa è promossa dall’Associazione culturale «Nuova cultura di pace» di Torino. La conferenza e la mostra concludono un periodo espositivo di quasi tre mesi, durante i quali la mostra è stata allestita nelle circoscrizioni 4, 5, 6 di Torino, per sensibilizzare la cittadinanza sul ruolo cruciale della cultura nella vita sociale e sulla salvaguardia dei beni culturali, in tempo di pace e in tempo di guerra.

Alla conferenza del 13 aprile a Palazzo di Città intervengono relatori di rilievo nel mondo della storia dell’arte, del diritto umanitario e delle relazioni internazionali:

  • Rossella Bernascone, traduttrice e docente di lingua e letteratura inglese, ha svolto la traduzione dell’unica biografia disponibile in italiano di Nikolaj Roerich e della moglie Elena Ivanovna Roerich, filosofa. Tema del suo intervento: «Nikolaj Roerich, artista e creatore di pace»
  • Alesia Koush, storica dell’arte ed esperta in tutela del patrimonio culturale e dei diritti umani culturali. Interviene su: «Il Patto Roerich nel XXI secolo: verso la cultura del diritto alla Cultura»
  • Aleksandr V. Titov, fisico e ricercatore: «La Bandiera della Pace sul monte Kailash»
  • Leylya Strobl, avvocato, presidente della Società Austriaca Roerich e membro del direttivo del Comitato Nazionale Austriaco dello Scudo Blu: «Criticità nel campo della protezione dell’eredità culturale in tempo di pace in Europa oggi»
  • Luca Lovisolo, ricercatore indipendente in diritto e relazioni internazionali: «Cultura e propaganda nella Russia di oggi: tre casi di attualità»
  • Aleksandr V. Stecenko, vice presidente del Centro Internazionale Roerich di Mosca e Marga Koutsarova, rappresentante del Centro Internazionale Roerich in Europa, avvocato: «Il significato del Centro Internazionale Roerich e del suo Museo non governativo per lo sviluppo del pensiero dei Roerich. Passato, presente e futuro.»

Le relazioni sono precedute da un intervento musicale dell’Orchestra per la pace, facente capo all’associazione «Pequeñas Huellas.» La mattinata si conclude con una visita alla mostra, guidata dalla vicepresidente del Movimento Internazionale Giornata Mondiale della Cultura, Valentina Ganz.

Ulteriori informazioni sulla pagina Facebook dell’Associaizione >qui. Visto il numero di partecipanti già annunciatisi a oggi, si consiglia agli interessati di riservare il posto, rivolgendosi ai contatti dell’Associazione stessa.

[Comunicato stampa degli organizzatori]

Commentare questo articolo

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*